28 febbraio, 2015

Come permettere a Facebook di accedere alle foto

Continua a leggere

27 febbraio, 2015

Bufale su Facebook: bambino di 20 kg nasce da madre obesa? Un falso d’autore

Bufale su Facebook – Sta girando su Facebook e sul web una simpatica bufala di provenienza dall’Australia questa volta. La bufala in questione sostiene che il 14 gennaio è nato un bambino in Australia un bambino di venti chilogrammi di peso da una madre obesa di 272 kg. La notizia in questione è comparsa per la prima volta sul World News Daily Report. Ma che si trattasse di una bufala era evidente da due fatti. Il primo è che nell’articolo originale si fa riferimento alle dichiarazioni di un medico che sostiene che il bambino sarà un ottimo giocatore di rugby e che il…

Continua a leggere

27 febbraio, 2015

Facebook aumenta le opzioni nella selezione dell’identità di genere

Facebook e l’identità di genere – Vi ricordate che l’anno scorso, più o meno sempre in questo periodo, Facebook aveva aumentato le opzioni di genere? Successivamente, a luglio, erano stati introdotte anche categorie come femminiello, genere non conforme e trans. Ebbene, con un post sulla pagina ufficiale di Facebook Diversity ecco che adesso veniamo a sapere come Facebook abbia aumentato ancora una volta le opzioni di scelta nella selezione del genere. Il tutto si è reso necessario a causa del fatto che molti utenti si lamentavano che Facebook permettesse di scegliere il genere solamente fra opzioni predefinite, mancando dunque di un…

Continua a leggere

26 febbraio, 2015

WhatsApp bloccato in Brasile a causa della crittografia end-to-end

La tecnologia di crittografia end-to-end presente all’interno di WhatsApp è costata cara all’applicazione in Brasile, dove la piattaforma di messaggistica istantanea è stata bloccata da un giudice. Il provvedimento è nato nel corso di un’indagine, all’interno della quale WhatsApp avrebbe rifiutato di fornire aiuto alle autorità, spingendo il tribunale alla drastica decisione. A causa della protezione messa in atto sui propri messaggi infatti, WhatsApp non può fornire le chiavi di decodifica delle conversazioni private, accessibili quindi solo dalle persone direttamente coinvolte nello scambio testuale. Da qui il rifiuto obbligato alla richiesta da parte delle autorità brasiliane, che a …

Continua a leggere

26 febbraio, 2015

Facebook, un nuovo strumento per prevenire i suicidi

L’attenzione di Facebook nei confronti dei suicidi e della loro prevenzione non è una novità: sono già diversi anni, infatti, che il social network si adopera per trovare modi tramite i quali sventare quella che è la causa di morte più diffusa tra i 25 e i 34 anni negli Stati Uniti, fascia d’età che comprende anche il maggior numero di cittadini americani. Nei prossimi giorni, Facebook metterà a disposizione del suo miliardo di utenti un nuovo strumento di prevenzione, grazie al quale si spera di riuscire a fare qualche ulteriore passo per scongiurare che le persone si facciano del male da …

Continua a leggere